Inizia da Bnp Paribas Cardif la nostra rubrica dedicata alle aziende virtuose, ovvero a quelle realtà lavorative attente alla salute e al benessere dei propri dipendenti.

Il welfare sta diventando, fortunatamente, una pratica sempre più comune, in grado di attrarre risorse nuove e fidelizzare quelle già esistenti. Vediamo come un’azienda di grandi dimensioni può mantenere il passo con i tempi grazie a politiche che possono essere definite “welfare 4.0”. Di fatto, l’innovazione in azienda è anche dimostrata dall’attenzione che quest’ultima dedica alle proprie risorse umane, le quali costituiscono la fonte principale del proprio sostentamento.

La nostra scelta di punta è ricaduta su Bnp Paribas Cardif in quanto premiata per sette anni di fila (2017 compreso) da Unioncamere Lombardia in tema di migliori politiche aziendali di responsabilità sociale.

Conciliare vita e lavoro è sempre più difficile, ma spesso l’innovazione ci viene in aiuto. Un programma efficace di welfare permette al lavoratore di non vedere la propria carriera come un ostacolo per la propria vita personale. Da qui nascono tutte le iniziative che cercano di offrire al dipendente servizi e opportunità a cui “normalmente” sarebbe costretto a rinunciare.

Infatti, oltre ad un’eccellente attenzione verso il cliente, Bnp Paribas ha promosso nel 2017 un pacchetto welfare concreto, volto a migliorare la vita dei propri lavoratori. Oltre alle iniziative più comuni, come orari flessibili e possibilità di lavorare da casa, Bnp Paribas ha proposto programmi informativi su temi attuali (nutrizione, meningite, vaccini, cyber bullismo e bullismo in generale), visite mediche convenzionate, giornate aziendali dedicate alla famiglia (Kids day, durante il quale i figli praticano giardinaggio in azienda).

Per il 2018 l’azienda ha annunciato di voler continuare nella propria politica innovativa, migliorando sempre di più la propria employee journey.